PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Il La del fiume

Lì dove lo Zellina
salta spumando
per riprendere quieto
tra il tetro dei campi
di fresco sarchiati
il domestico corso

dove il rondone
volta impennando
a mostrare saziato
tra nubi d'insetti
al sole calante
un ventre d'arancio

dove l'iris selvaggio
macchiando di giallo
fiorisce d'incanto
sulle sponde del rio
segnate da giunchi
legati dal ragno

lì m'invento la notte
gli occhi serrando
ad archi friniti
ad ottoni garriti
a maracas scroscianti
offerte in concerto.

 

4
1 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

1 commenti:

  • cesare righi il 21/03/2012 13:40
    ciaooo Marcello, era tanto che non ti leggevo... veramente bella questa tua, da imparare a memoria.
    Buon proseguimento

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0