PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

E scrivo

Oggi, nessuna rima potrà abbracciare quella riva ove cammino,
ove sospiro,
ove ogni ove è presente.
Ma la forza di andare contro,
la forza di armare con l'inchiostro del calamaio
la penna della speranza,
in questo preciso e deciso istante
è in fuga.
Timore e paura di vivere l'astinenza dal consumismo,
dal benessere materiale,
dal danaro,
vile danaro, sempre più avaro di umanità,
vige.
Un megafono urla per la gente, con la gente, tra la gente.
Sveglia.
I diritti sociali soffrono.
La libertà soffre.
La democrazia è sospesa.
Spendi meno e continui a far la spesa,
spendi meno e continui a comprar la benzina,
spendi meno e continui a camminare,
oltre quelle parole,
oltre la lotta.
Eppure spendi danaro,
e neanche un momento del tuo tempo
per ascoltare.
È un tempo malvagio,
guerre e sofferenze,
vendette e anime maledette
anche dal loro dio, pregato ed invocato
nel segno di quella croce
nel profumo di quell'incenso,
nel sapore di quell'ostia,
nel succo di quel vino,
si spolvera la ragnatela del senso di colpa,
per continuar a vivere nell'abitudine che trascina
nel silenzio dell'inquietudine
il timore del cambiamento.
Eppure oso,
eppure non mi arrendo,
scrivo e lo dico,
il muro del silenzio dovrà cadere.
Umanità disumana,
umanità non più umana,
umanità dove sei?
Umanità dove sei?

 

2
1 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Alessandro il 21/03/2012 16:00
    La forza di andare contro, salvaguardare i diritti che pian piano ci vengono sottratti. La scrittura come consolazione, per spronarci a proseguire la lotta. Infine, un'invocazione diretta a un'umanità smarrita. Ottima

1 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0