username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Punto di non ritorno

Tra mute praterie, sepolti diritti
a cui nessuno porta più fiori.

Defunta tolleranza dall'altrove
raramente si manifesta.

Le urla dei bruti esorcizzano
gli inconsolabili valori.

Tese, sui barlumi di coscienza,
taglienti trappole nella foresta.

 

2
3 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Don Pompeo Mongiello il 21/03/2012 18:57
    Ormai in secondine si capisce la firma dell'autore. Complimenti vivissimi!

3 commenti:

  • Emanuele Perrone il 27/03/2012 01:32
    i primi due versi sono molto espressivi
  • loretta margherita citarei il 21/03/2012 20:49
    ottima riflessione condivisa bravo
  • mauri huis il 21/03/2012 18:53
    E allora forza, Alessandro, tiriamo fuori le unghie e riappropriamoci di quanto i bruti ci stanno privando. E nella foresta andiamoci lo stesso, proprio per disinnescarne le trappole taglienti. Complimenti per la composizione e per il concetto.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0