accedi   |   crea nuovo account

Madre chi ero dimentica

Madre chi ero dimentica
chi ti feriva nella notte
erano i rovi dei sogni
non i roghi del mio passare
Eroe che ora incespica
chi mi tradiva di botte
allora tace su di una croce
è la voce del mio assassinare
Padre qui l'ira strascica
chi guaiva d'ossa rotte
e la pena bianca è il pane
in vena del mio schiantare

 

0
0 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0