accedi   |   crea nuovo account

L'infinito-finito

C'è stato un infinito
dove tutto era silenzio e fragore
poi, il tempo ha preso possesso
dell'attimo e della vita
scandendo il tutto tra un tic e un tac.

Non mi resta che assiste in silenzio
cercare d'arginare l'angoscia
al frantumarsi di un amore
consunto, ossidato dall'incuria
svuotato dalla sua stessa linfa poetica
pochi satinati dettagli a effetto ombra
tra bagliori asessuali
connessioni confuse
distratte da riti ossessivi
miraggio deduttivo d'acromatica dolcezza
nella visione di ambiguo narcisismo
dilaga spazi sottili in ondulato deserto
accentuato da un sole palpitante
liquefa spazio e colori
in labirintiche trame di raggi iridescenti.

Un credito d'amore
perso in un mare d'inverno
mentre onde, come sciami impazziti,
si frantumano su rocce frastagliate
spandendo schegge come segmenti vetrosi
risuonano nell'aria, specchiandosi nell'acqua.

Cerco di raccoglierne un frammento iridato
ma espande virando in mille riflessi,
ne assaporo solo l'amaro fruscio
restando rinchiuso
nel mio tempo finito.

 

4
4 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

4 commenti:

  • Anonimo il 28/10/2013 12:59
    Pittorica in superficie, contemplativa in profondità. Molto bella.
  • Alessandro il 24/03/2012 13:44
    Sembra l'incipit di un racconto... davvero valida
  • Federica Cavalera il 22/03/2012 09:45
    Bravo, incalzante, suadente questo componimento, descrizioni precise nei minimi dettagli degli ambienti che vengono usati come metafora di uno stato d'animo. Molto apprezzata.
  • loretta margherita citarei il 22/03/2012 08:52
    piaciuta molto apprezzata

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0