PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Lucertola

tra le crepe del muro
dell'altrui insensibilità
costruii il mio rifugio
per non subire più violenza,
riparandomi così
dal lungo inverno.


Ora al tiepido tuo sole
di primavera,
alle tue dolci carezze,
scaldo il mio sangue
che la disillusione
rese freddo,

pronta però a rintanarmi,
a fuggire via,
se vedrò la tua mano aperta
stringersi in pugno
e le tue dita
afferrarmi la coda
per strapparla.

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

3 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Don Pompeo Mongiello il 23/03/2012 11:31
    Cose che non dovrebbero accadere, ma questa tua può intenerire anche i cuori più duri e molto probabilmente non c'è bisogno di difensiva.
  • Ezio Grieco il 22/03/2012 19:00
    .. autodifese, messe in atto, per difendersi dalle cattiverie degli uomini.
    Bellissima, amica mia.
    cl
  • Grazia Denaro il 22/03/2012 08:51
    Poesia molto bella che metaforicamente esprime l'intento di non farsi maltrattare e di non dover soffrire. Quindi ha costruito il suo rifugio e ha messo dei paletti perchè non venga oppressa da chi è più forte di lei. bei versi stilati scorrevolmente, poesia piacevole per contenuto e per forma, apprezzata!

13 commenti:

  • Don Pompeo Mongiello il 27/03/2012 19:16
    Un laudo dovuto per questa tua eccezionale!
  • Alessandro il 24/03/2012 13:48
    Come la lucertola, cerchiamo di rintanarci lontano dall'insensibilità altrui, da chi vuole strapparci la coda. Molto profonda
  • Anonimo il 23/03/2012 19:09
    Piaciuta! Rispecchia tutto il tuo amore e rispetto per gli animali.
  • Salvatore Maucieri il 22/03/2012 19:26
    Splendida visione di un amore. Complimenti per come hai saputo esporre il tutto. Opera sublime. Ciaooooooooo
  • Auro Lezzi il 22/03/2012 17:49
    Do da mangiare in mano alle lucertole di primavera.
  • Anonimo il 22/03/2012 17:38
    Poesia condivisa cara Saggia-Lor.

    Molto bella Lor!
  • Anonimo il 22/03/2012 16:27
    Bella Loretta, davvero, mi è piaciuta molto.. Non si è mai troppo forti per resistere al male che gli altri potrebbero farci.. Un salutone!
  • cesare righi il 22/03/2012 14:59
    ti ho letta per prima e questa tua poesia mi è tanto piaciuta che per oggi non ne leggerò altre. Bravissima lucertolina birichina
  • roberto caterina il 22/03/2012 14:45
    bella questa poesia che attraverso un paragone semplice ha dei significati profondi
  • anna rita pincopallo il 22/03/2012 12:16
    brava Lor stupendamente bella
  • Anonimo il 22/03/2012 09:08
    Occhio sempre alla coda amica mia che non stia meta-fora e meta-dentro. Piaciuta e apprezzata come sempre. Bravissima Lor Margh Cita!
  • Silvia De Angelis il 22/03/2012 07:30
    Bellissima metafora, in un crescendo di intensi versi dell'anima, molto apprezzati...
    Sempre bello leggerti...
  • Anonimo il 22/03/2012 07:09
    Molto bella. Esprime tutto il timore di dover soffrire ancora. Lascia che il sole ti accarezzi.. pur pensando ad una via di fuga. Quel che è vero..è che non si può fuggire alla gioia e al dolore interiore..

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0