PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Enigma

Il giorno
cotanto strano
Assente
ne la famiglia
La droga
il Paradiso

Inerme
Emarginato
Schivato
dal Crudo Loco
frequenta
Tratturo Ceco

Solingo
consuma l'ora
Volate
ne l'aria... spicca
E dove
nidificare

Il cibo
consueta "roba"
Inietta
"pura" illusione
soltanto
per esser che

Sovrano
e la corona
Ministro
che dicastero
Dottore
e la clientela

Gli chiedo
mi dà le spalle
Lo guardo
nasconde il viso
Vergogna
è... lo suo enigma!

 

4
2 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Don Pompeo Mongiello il 24/03/2012 11:07
    Poetare scorrevole e musicale con un contenuto sottile e parodiano.

2 commenti:

  • Anonimo il 01/04/2012 19:52
    alla ricerca di paradisi artificiali... molto bella e sentita questa tua... complimenti
  • Don Pompeo Mongiello il 25/03/2012 12:36
    Un laudo sincero per questa tua veramente bella!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0