accedi   |   crea nuovo account

Illustrando un libro di fiabe culinarie

Sfogliare
con Te
il libro della vita

in un dialogo quotidiano

pagina dopo pagina
impaginare nella trama della memoria
il nostro evolvere in fili di emozioni

i nostri cuori imparando a crescere sanno leggere fra le righe la luce delle stelle

ogni pietra
diventa
una casa accogliente

dipingendo
fiori
sulla finestra

tende
preziose

calde nei sorrisi
di generosi colori

vagheggianti
nell'ospitar dentro di noi perle trafitte di sole

chiudere la porta
perdendo la chiave dei giorni tristi nei sottosuoli del mondo fra pareti insonorizzate dal canto d'un usignolo


illustrandolo

ogni giorno
in una unica composita luce

con le luminose immagini fiabesche

di tavole sognanti
i nostri visi felici seduti ad un sublime astronomico banchetto di scampi fioriti in sughi d'incanto

rimani a cena se vuoi
divino Amore

so di non essere perfetto
di essere un Arlecchino bianco

un tenero "piacione" come mi chiami Tu dall'alto del cielo

di abbronzarmi troppo in fretta nella luce di altri occhi

potrò spiegarmi meglio
arrostendo in un lume di candela l'insulsa bronzea vacuità delle mie tasche servili

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

11 commenti:

  • Don Pompeo Mongiello il 27/03/2012 18:56
    Un laudo sincero per questa tua eccezionale.
  • Gianni Spadavecchia il 26/03/2012 14:29
    Davvero cortese oltre che splendida questa composizione!
  • stella luce il 26/03/2012 13:20
    quanta dolcezza in questi versi pieni d'amore...
  • Teresa Tripodi il 24/03/2012 23:56
    Sei uno chef di versi e poesia... cibo di spirito... ma la pancia brontola Vincè... un buon ricettario insegna con le giuate regole e le dosi di quantitá e tempi di cottura a cucinare anche ad uno bianco... ma mai nessun ricettario dará la formula di scrivere poesiain questa maniera
  • Anonimo il 24/03/2012 19:37
    "di abbronzarmi troppo in fretta nella luce di altri occhi"
    una sintesi, questa, che appaga tutto l'incomprensibile esserci.
  • sara zucchetti il 24/03/2012 17:17
    Che bella poesia ti fa vivere la fantasia di una fiaba, sei sempre bravissimo è molto originale
  • rosanna gazzaniga il 24/03/2012 15:43
    Immagini stupende in questa intensa e bella lirica! Affascinante e bella, complimenti!
  • Anonimo il 24/03/2012 14:39
    una fiaba... solo nelle fiabe troviamo ciò che in questi bei versi ci regali... un abbraccio
  • Anonimo il 24/03/2012 13:25
    Bravissimo Vincé!
  • Anonimo il 24/03/2012 13:24
    Il libro della vita partorito nella giungla del cul in aria in cui un pacione vestito da bianchino, essendosi scolorita la divisa da arlecchino, chiude la porta nei sottosuoli e raccoglie ogni pietra che diventa una casa, dove sfoglia la foglia col millefogli sorridendo alla finestra dietro le tende impreziosite da te che non sei un tè, ma una te.
    Emozioni coinvolgenti le cui immagini esprimono quello che l'amore vero sarebbe in grado di fare, contrapponendosi persino al comune sentire.
  • karen tognini il 24/03/2012 12:49
    Sei incredibile Vince'... non ho parole...

    Un tenerissimo Piacione... ahahah.. ma da dove ti vengono!!!!..
    bellissimo libro di vita...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0