accedi   |   crea nuovo account

Pelle

Mi cingesti la vita
come facevi sempre
con la primavera
e il virgulto animò
la stasi.

Fummo in due
e sulla foce che l'ombra-colora-
nacque dal senso un rivolo,
disciolto sulla radura buia
e sul respiro corto.

Ci separò la nube
e le gocce appuntite
di una pioggia calda
salirono a sfiorarci gli occhi
ma non furuno lacrime di ciglia, ricordo,
solo sudore di madida pelle.

 

3
5 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Raffaele Arena il 26/03/2012 10:19
    Pare questa dell'autrice una bellissima poesia sulla passione. Il suo sentire ed esprimere in modo così convincente l'unione di due amanti. Bellissima piaciuta tanto!

5 commenti:

  • Anonimo il 17/08/2015 07:49
    Bella e passionale...
  • Auro Lezzi il 28/03/2012 16:51
    Quanto sei Vera in questa poesia.. C'è tutta la Manu.. A proposito c'è un messaggio per te di la...
  • Manuela Magi il 26/03/2012 18:44
    Grazie a tutti voi.
  • Vilma il 25/03/2012 20:39
    troppo bella, complimenti
  • loretta margherita citarei il 25/03/2012 20:16
    splendida veramente splendida

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0