PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Autoctono

Plasmato il mio corpo da un soffio celeste sul fango
rimango indissolubilmente legato
alle pastose oscurità delle divinità ctonie

ai toni femminili della terra

dai terreni arpeggianti su melodiose vigne agli ondulanti declivi boschivi
di sotterranei sismi dalle vulcaniche onde sensuali

Madri
di ogni calda fertilità operano dal profondo lontano
sono l'humus spirituale dell'uomo germogliante

clessidre mistiche in coppe di candela
schiudono le loro telluriche labbra di sabbia sui divini tempi dei misteri dalle magie orfiche

fiaccole e chiavi

di meravigliosi inconsci dagli aratri d'oro desiderosi di oli estratti dai veli lattiginosi di grasse zolle ingravidate da luci in polpa di copra

in una unione
fra gameti di sole e oscuri mari

la mente umile sulla via fiorita dal canto di foglie d'acanto s'illumina in spighe nei templi del cielo

ma il nostro irrazionale vergine cuore dal battito selvaggio
appartiene al solco biondo frumento del loro seducente corpo

trascrivo
solo i paradisi bevuti nel fugace attimo di una primaverile lacrima

l'Amore dei Tuoi occhi

falciato in infiorescenza dalle intemperie d'una eclisse di luna

 

6
4 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • cristiano comelli il 26/03/2012 21:36
    Una bella poesia, come tutte le altre uscite dalla tua penna e dalla tua sensibilità, in cui si scorgono venature bucolico-esistenziali; il tepore di certe immagini eteree non fa perdere di vista comunque il senso della realtà riannodandola a un elemento onirico rinfrescante che le dà continuo vigore e continuo senso di rinnovamento. Ancora una volta Bingo, Vincenzino, chapeau.

4 commenti:

  • roberto caterina il 28/03/2012 07:15
    In cerca dei toni femminili della terra ci abbandoniamo alle intemperie di un'ecclisse di luna. Apprezzata..
  • Anonimo il 27/03/2012 10:29
    Mi accolo al bel commento di Cristaiano, davvero bella Vincenzo
  • Anonimo il 26/03/2012 20:59
    bella vincè appartenere alla madre terra in tutte le sue sfumature... sentirsi parte integrante di chi ci ama... sempre molto belli e sentiti i tuoi versi...
  • Don Pompeo Mongiello il 26/03/2012 18:40
    Molto piaciuta ed apprezzata questa tua eccezionale!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0