accedi   |   crea nuovo account

Le due inquiline

Abita i piani alti
la donna
innamorata
ricambiata
dal suo amore,
abita la casa del sole.
.
Alle finestre
tendine colorate,
rossi gerani in fiore
pendono dal balcone.

Risuonano le stanze
di canti e di risa...
Amor gioviale la rende.

Quando esce s'imbelletta,
lieve è il suo passo
fra la gente,
il suo profumo
si spande per la via.

Abita il seminterrato
la donna sola
colei che più
nessuno ama.

Chiuse le ante
vive nell'oscurità.

Vestaglia sgualcita
a cingerle il corpo,
più non cura
il suo aspetto.
Pur se giovane
appare vecchia,
d'indefinibile età
il volto.

Vive di notte
sfogliando i sogni perduti,
s'ubriaca
con un vino stantio,
aciduli ed aspri i suoi ricordi.


Più non canta, più non spera,
più non sogna, più non piange,
neanche più maledice
la sua triste sorte.

Seppellito il cuore
è lei stessa
l'ombra della morte.

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • cristiano comelli il 26/03/2012 21:20
    Eh sì, cara Loretta, sono come di consueto i due volti dell'esistenza umana. Il bello dell'essere umano, però, è che non è condannato a mo' di casta indiana dei paria a restare per sempre nella polvere; la sua razionalità, la sua sensibilità gi consentono una costante possibilità di riscatto. Sono diversi i casi di persone che, partite non propriamente in condizioni privilegiate e ottimali, hanno poi saputo ritagliarsi nella società il posto che meritano con il loro impegno, la loro sensibilità e la loro voglia di non gettare mai la spugna. Mi piace pensare che la seconda parte della sua poesia, perchè nella mia vita cerco sempre di dare attenzione agli ultimi e agli sfortunati, sia proprio un inno all'essere umano che non si trova in stato di fortuna per spronarlo a dire e a dirsi: ecco, ce la farò, a dispetto di tutti i massi pesanti che ho trovato sulla strada dei miei giorni a cercare di ostacolarmi il cammino. Buona serata e grazie.
  • Don Pompeo Mongiello il 26/03/2012 18:47
    Le virgole intercalano perfettamente il tuo pensiero e lo rendono visibile e bello.
    P. S. A proposito del tuo commento alla mia, devo farti le mie congratulazioni.

11 commenti:

  • Don Pompeo Mongiello il 27/03/2012 19:32
    Un serto floreale primaverile per questa tua eccezionale davvero!
  • Filippo Minacapilli il 27/03/2012 12:17
    Impeccabili profili... una pittura in versi! Complimentiiiiiiii!!!
  • stella luce il 27/03/2012 12:13
    ...è pur così l'amore... alle volte ci porta ai piani alti della vita ed altre volte nei sotterranei della nostra anima... versi stupendi e molto sentiti...
  • Anonimo il 27/03/2012 09:59
    Loretta, l'ultima strofa mi ha dato i brividi, meravigliosa!
  • roberto caterina il 26/03/2012 21:57
    È una storia profondamente triste, profondamente vera, profondamente ingiusta...
  • Cinzia Gargiulo il 26/03/2012 21:24
    Purtoppo c'è chi si lascia andare completamente non riuscendo a reagire alle delusioni. Bellissima poesia!... Ciao Loretta...
  • Anonimo il 26/03/2012 21:03
    Ci sono giorni che non sò bene quale delle due inquiline mi rappresenta di più... bellissima... sentitissima!!!!! Ti abbraccio
  • Anonimo il 26/03/2012 20:24
    che diversità ... l'una imbellettata e solare donna che sa amare... l'altra priva d'amore mesta e triste... originale, bella e ben scritta brava poetessa...
  • Don Pompeo Mongiello il 26/03/2012 18:50
    Per il P. S. devo scusarmi si tratta di un'altra amica del sito. Anche se i tuoi commenti mi sono sempre graditi e te ne ringrazio.
  • mauri huis il 26/03/2012 18:15
    Troppe virgole in fondo ai versi non tolgono nulla a questa composizione molto bella e assolutamente veritiera. Complimenti e saluti.
  • Alèd il 26/03/2012 18:01
    Le due anime della stessa persona? Forsa

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0