PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Effe

Potevi essere la mia BMW,
quando sognavo un Mercedes,
e mi accontentavo di una Yaris.

Mi hai fatto sentire principessa
quando tu, da lontano, mi sentivi
e mi vedevi luce,
mentre io, sorridendo, ancora ignoravo il mio inferno.

Rimane quella foto, bellissima,
ancora clandestina,
come quel bacio mai dato.

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

3 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 28/04/2012 09:48
    molto lolita... molto immagine... e a volte l'immagine è tutto! Bravissima...
  • Rocco Michele LETTINI il 27/03/2012 08:51
    Il passato... una foto... un bacio... la Tua nostalgia... Un intrinseco di emozioni che fan della Tua poesia un mosaico ammirabile su cui rallegrarsi... STU_PEN_DA_LO_LI_TAAA!!!
  • Anonimo il 27/03/2012 02:19
    splendida poesia complimenti

11 commenti:

  • augusta il 27/03/2012 18:24
    a quel bacio mai dato potevi farti avanti tu, scherzo...è sicuramente originale e la trovo molto bella...
  • Lolita il 27/03/2012 13:02
    Ciao Stella Luce, grazie
  • stella luce il 27/03/2012 12:21
    molto particolari questi versi... ma belli e scorrevoli... mi è piaciuta
  • Lolita il 27/03/2012 09:02
    Grazie Rocco, ... troppo troppo gentile!!
  • Lolita il 27/03/2012 08:39
    Grazie Loretta,
  • Lolita il 27/03/2012 08:38
    Grazie Auro, Buon Martedì
  • Lolita il 27/03/2012 08:37
    @Ellebi: mi ricordavo dei "tre passi sul palato per battere al terzo sul palato". Grazie, Buona giornata!
  • Lolita il 27/03/2012 08:36
    Grazie Stefano! Buona Giornata!
  • Auro Lezzi il 27/03/2012 08:22
    Quando accontentarsi non si dovrebbe... Una poesia decisamente rombante.
  • loretta margherita citarei il 27/03/2012 08:22
    molto originale complimenti
  • Ellebi il 27/03/2012 01:46
    I tuoi versi sono emozionanti almeno quanto il tuo nome, e non posso esimermi dal citare le prime righe di "Lolita" di Nabokov: "Lolita, luce della mia vita, fuoco dei miei lombi. Mio peccato, anima mia. Lo - li - ta: la punta della lingua compie un percorso di tre passi sul palato per battere, al terzo, contro i denti. Lo - Li - Ta". Saluti

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0