accedi   |   crea nuovo account

Gesù cade per la prima volta

Sotto lo insopportabile peso
de lo legno straziante
le tue povere ginocchia
oh Salvatore
cedono
e l'amara terra
assapori!

 

1
3 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Rocco Michele LETTINI il 28/03/2012 09:24
    Don Pompeo è la terza stazione e la prima caduta di Nostro Signore, sotto l'insopportabile peso... è giusto il Tuo messaggio... è giusto che noi uomini ci facciamo carico dei nostri peccati per capire la sua passione... E Gesù Cristo attraverso l'evangelista Luca ci dice: "Se qualcuno vuole essere mio discepolo, smetta di pensare a se stesso, prenda ogni giorno la sua Croce e mi segua"... Smetta con il suo egoismo... smetta con la sua folle corsa al potere... all'essere... e asciugasse un po' le lacrime altrui... Ci ricorda ancora il Signore: "Chi pensa soltanto a salvare la propria vita, la perderà; chi invece è pronto a sacrificare la propria vita per me, la salverà"... Con la Tua poesia Don Pompeo ogni uomo ritrovi la pietà verso il mondo e assapori il peso della prima caduta... e il dolore...

3 commenti:

  • tylith il 28/03/2012 23:06
    Questo passaggio mi piace in modo particolare riesci a rendere l'idea del peso della croce e della sofferenza di Gesù usando l'aggettivo "straziante" riferito al legno di cui è fatta la croce. Sentiamo il rumore delle ginocchia che sbattono con forza sull'amara terra, anch'essa partecipe del dolore del Salvatore il cui volto ormai è sporco di sudore e di terriccio.
  • loretta margherita citarei il 28/03/2012 19:38
    trovo molto bello che tu ogni giorno poni un brano della passione bravo don
  • Anonimo il 28/03/2012 13:14
    Mi addolora sempre pensare alle grandi sofferenze patite da Gesù. Concordo con quanto detto da Rocco Michele. ciao

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0