accedi   |   crea nuovo account

Le Stranezze del Cuore

Il sole mattutino, mi accarezza gli occhi, sorridendo.
Il battito d'ali di una farfalla.
Mi ritorna in mente il tuo volto,
sono passati anni.
Distratta, mi domando cosa starai facendo.
Speranzosa, mi chiedo se anche io ti vengo in mente così all'improvviso.
La pioggia d'estate sopra la mia pelle è come la carezza gentile di un'amante premurosa.
La scintilla che precede il fuoco.
Mi ritornano in mente i tuoi occhi,
mi stupisco di come gli anni non abbiano annebbiato il tuo ricordo come tutti gli altri.
Lo so, non dovrei sorprendermi.
Sento già la tua voce,
canto di Sirene,
che mi prende in giro senza ombre,
sorrido al cielo,
"È ovvio che ti ricorderai di me, sono o non sono la Regina del tuo Cuore?"
Il mio sorriso si allarga,
"Lo sei"

 

2
3 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Auro Lezzi il 29/03/2012 09:24
    Bhè sei una giovane ragazza ed hai ricordi che dici lontani... Com'è vero che l'età è una sensazione... Sei una navigata poetessa.

3 commenti:

  • Regina Ghiglietti il 29/03/2012 10:03
    grazie Auro... l'età è solo un numero... sono le esperienze che fanno crescere una persona è quella la vera età di una persona...
  • Regina Ghiglietti il 29/03/2012 08:28
    Buongiorno Vincenza grazie del commento... il primo amore è così non svanisce mai è un dolce-amaro ricordo che ti accompagna tutta la vita...
  • Anonimo il 28/03/2012 15:08
    Bella. Anch'io ogni giorno mi chiedo le stesse cose pensando al mio primo amore: un biondo ragazzo americano con gli occhi verdi, generoso e gentile. Rimarrà sempre nel mio cuore! ciao

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0