accedi   |   crea nuovo account

Alla Stazione

Ho abbracciato l'alba alla Stazione centrale
seduto su una panca di marmo.
Ho visto il chiarore sporgersi
da sotto le arcate,
ho acceso l'ultima sigaretta,
l'ho fumata tranquillo
poi ho voltato le spalle alla luce

 

4
8 commenti     3 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

3 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Don Pompeo Mongiello il 29/03/2012 14:51
    Bella ma io sto stazione dopo stazione seguendo il mio Cristo in Croce.
  • Salvatore Di Trapani il 28/03/2012 20:35
    Il sole che tramonta è un immagine dal duplice significato metaforico. Una giornata che finisce, ma anche un tratto di strada che si è concluso e uno nuovo che comincia. La notte. E quale luogo migliore per iniziare se non la stazione? Oppure forse il tuo viaggio si è concluso, e dalla luce passi alle tenebre per percorrere una nuova parte della tua vita. Molto bella, ci avrei messo qualche punto in più, soprattutto nell'ultimo verso, li era indispensabile secondo me.
  • tylith il 28/03/2012 16:46
    Davvero un bel componimento questo, vedere il tramonto che si sporge da sotto le arcate mi ha molto colpita. Per un attimo si è avuta la sensazione che l'uomo seduto sulla panchina di marmo non fosse solo. La sensazione però è durata solo un attimo perchè poi è subentrato il vero "gelo" quando con calma l'uomo fuma l'ultima sigaretta e volta le spalle alla vita. Io l'ho trovato davvero bello e davvero ben scritto!

8 commenti:

  • Anonimo il 29/03/2012 20:36
    Molto bello, complimenti!
  • Ivano Boceda il 29/03/2012 09:40
    AccPorc, sono l'Anonimo
  • Anonimo il 29/03/2012 09:34
    Sono felice che qualcuno pensi che la mia scrittura abbia effetti evocativi oltre la fine delle sue parole (Vincenzo) e, in effetti, quel punto non è assente per caso o per una dimenticanza. Non l'ho messo per "mitigare" il portato negativo di quel "ho voltato le spalle alla luce", che il punto avrebbe reso condizione assoluta e definitiva.
    Sicuramente la capacità evocativa delle parole va ben oltre il senso "letterale" dei significati descritti se "Ho abbracciato l'alba alla Stazione centrale", che dovrebbe essere un segnale di inizio, restituisce, invece, il senso del tramonto e della fine di un ciclo "il sole che tramonta", "una giornata che finisce", "dalla luce alle tenebre" (Salvatore), "vedere in tramonto", "volta le spalle alla vita" (tylith), "l'ultimo treno" (Mara) che però è preso come ultima possibilità per "sentirsi vivi"...
  • vincent corbo il 29/03/2012 07:44
    Io credo che la mancanza del punto alla fine abbia un significato, dice che la poesia non è finita e che ciascun lettore la continui secondo il proprio sentire. Magari mi sbaglio ma a me piace vederla così.
  • Anonimo il 28/03/2012 18:48
    Leggendola, ho provato quel senso di libertà e quiete che tutti aspettano. L'ultimo treno per sentirsi finalmente vivi. È bellissima, non lo dico tanto per, anche perché metà del mio quotidiano è tra le stazioni. Niente da dire strutturalmente: semplice ma carica di significato.
    "Ho acceso l'ultima sigaretta/ l'ho fumata tranquillo/ poi ho voltato le spalle alla luce"
    Wow...
  • Vilma il 28/03/2012 18:19
    pochi versi molto significativi, piaciuta
  • mauri huis il 28/03/2012 17:42
    Asciutta e criptica ma molto ben scritta. piaciuta. Complimenti.
  • loretta margherita citarei il 28/03/2012 16:57
    molto intensa gradevole

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0