PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Femminicidio

Desolata virtù
d'amore,
ha terrorizzati
occhi opachi
nel cammino del destino
seviziato..
Duole l'attimo
dell'istinto ferale
che chiama
la morte
come killer goduriosa
della vita da sigillare
al buio dell'infinito...
e così tu, giovane,
tu madre,
tu amante,
tu tradita,
tu,
semplicemente
donna,
tu,
ogni volta affogherai
nel tuo sangue,
se non soddisferai
l'orgoglio oscuro
del maschio
che non sopporta
l'umiliazione
del tuo abbandono,
conscio che volevi solo vivere
un'altra vita lontano
da ogni sua ostile
emanazione.

 

1
1 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • nadia il 25/05/2012 14:37
    Ho i brividi credimi.. è un tema che mi tocca molto e non l'avrei potuto esprimere meglio... complimenti!
  • Rocco Michele LETTINI il 30/03/2012 19:53
    Io lo chiamerei "Amore rubato"... cantato impeccabilmente da Luca Barbarossa e altrettanta perfezione ritrovo su la spinosa tematica da Te verseggiata... Mariella... tutta la mia comprensione...

1 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0