PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

I sogni son morti

Teneramente,
Stringevo quella verità
così fasulla,
Cosi falsa.
e io, teneramente la stringevo

Mi convincevo,
Speravo in una promessa
fatta alle ceneri
ora sparse al vento
io, mi convincevo.

Oh amore,
prometti gioia
ma la morte doni,
oh dolce assassino,
oh amore.

Ora son morto,
e ho troppo fumo in testa,
mi culla,
secca le lacrime,
e son morto.

I sogni son morti,
spariti
uccisi da mani di velluto,
vere e mortali,
I sogni son morti.

Son cieco,
cado e dormo,
ma mai mi alzo,
io son malato
e son cieco.

Morta è la mia cura,
medicina assassina,
sanguinaria,
reale,
morta.

 

4
1 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 31/03/2012 14:17
    c'è una forza e una vita incredibile nelle poesie "malate e maledette" come la tua... o forse la vedo solo io... kmq io la percepisco e ne rimango ammaliato...
  • Rocco Michele LETTINI il 31/03/2012 12:29
    I sogni son morti... per una terapia assassina, non voluta, inculcata da altri... Andrea, tutto il mio apprezzamento per questa Tua, davvero coinvolgente...

1 commenti:

  • Anonimo il 31/03/2012 11:56
    Un senso di deperimento emozionale aleggia nei tuoi versi, intenso. Putroppo le illusioni d'amore sono terribili, perchè quando si rivelano come tali ti svuotano completamente.. Ma forza, la vita è bella, dicono..