username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Se un giorno vai al cimitero

La semplicità è preziosa,
specialmente quando
si parla di tele cerate
e di cimiteri all'aperto.

Un paio di giorni fa
vidi un pugno di muratori
alzare una barriera di cemento,
fumando sigarette,
e facendo battute oscene
sulla dimensione dei loculi vuoti.

C'era un funerale,
una processione di macchine impolverate
e di sedili imbottiti di nero.
La morta davanti a tutti,
dentro la bara lucida, ovviamente.
L'autista aveva la faccia triste.
Il rispetto è rispetto.

Il posto era stato prenotato
già da tempo;
toccò alla signorina
d'essere tumulata proprio là,
a due metri dai bestemmianti
con la pala in mano,
e il sudore tra i capelli.

Uno disse:
ma guarda un pò
cosa ci doveva capitare.
Un altro sputò a terra
e gridò tra i denti:
un'altra rottura di coglioni.
Sono allergico ai fiori,
fanculo alle verginelle!

La lapide non la misero loro,
per fortuna,
e nemmeno la cornice di marmo.
Ma rimasero a guardare
la gente in lacrime,
ridendo dei bambini.
Soprattutto di quelli
con la faccia seria seria.

Risero fino alle lacrime,
come fosse successo
qualcosa di molto brutto,
una tragedia senza tempo.

Quando tutto fu finito,
seguirono con gli occhi umidi
la fila sgangherata
uscire dal cancello principale.
La morta rimase là,
ma loro non la degnarono d'uno sguardo.
Il più giovane pisciò su un'aiuola,
e si soffiò il naso sulla manica della camicia.
Il più vecchio si toccò i baffi,
e disse:
adesso vi racconto io una barzelletta.

 

1
3 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

3 commenti:

  • laura marchetti il 03/04/2012 13:08
    QUESTA LA PROVA DEL NOVE... CHE SI COMMENTANO SOLO FRA DI LORO... CIAO SAL SEI IL MIGLIORE
  • laura marchetti il 03/04/2012 13:07
    SEI SEMPRE GRANDISSIMO... FATTI SENTIRE
  • laura marchetti il 03/04/2012 13:07
    PURTROPPO DI FRONTE ALLA MORTE NON SI FA NEANCHE UN PASSO INDIETRO... IL RISPETTO... TORNERA' A PRENDERSI ANCHE QUELLO

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0