accedi   |   crea nuovo account

Sull'altare della croce

Nel freddo orto marmoreo,
bruca l'agnello flagellato
in pochi secchi prati
di umida primavera
ventoso epilogo che il male rende più acuto.

Sottili squarci di luce,
lacerano il buio
in tristi ferite di cristallo consumato
di briciole d'azzimi e gocce di sangue.

In quel velato venerdì
una forza nuova nasce
dal colle dei crocifissi
dove pallido sole
oppresso da un nuovo tempo
non riscalda

e laddove le ombre si stagliano cupe
e il buio avvolge il mistero
là erge la tua Croce,
straziante forza oltre ogni immaginazione

 

3
3 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Don Pompeo Mongiello il 20/04/2016 13:27
    Ai commenti sottoriportati e che condivido appieno, aggiungo i miei più vivi complimenti!

3 commenti:

  • Ugo Mastrogiovanni il 18/11/2012 09:47
    Ogni verso rende palese e viva la tragedia dell'umanità; eccellente l'ultimo: "straziante forza oltre ogni immaginazione".
  • loretta margherita citarei il 01/04/2012 20:09
    veramente notevole complimenti
  • Rocco Michele LETTINI il 01/04/2012 18:53
    Su l'altare della croce... tutta la passione del Cristo oppresso... Ne lo core... tutto il Tuo amore nel magnificare questo Mistero... Ne la poesia... scorrevolezza e musicalità del verso...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0