accedi   |   crea nuovo account

Canzone d'a... more

Oh candido amor, le tue pene
ancor sono le mie e del tuo amore
del tuo desiato riso e della tua speme
sorgemi d'incanto in fondo al cuore.

Uh... son io che scrivo? Ma sono matto,
desto oppure dormo?
Che faccio, ci ricasco?
Che letture ho concesso ai miei occhi
ultimamente?
Ultimamente? Presto una rima...
Ahimè sol mi sovviene... deficiente.

Bene se così si vuol allor che sia,
se d'amor devo narrare e di poesia
e mostrommi debbo tutto trepidante
meglio lasciar stare il sommo Dante,
risvegliar er core mio, che adesso russa
e metteme a parlà come Trilussa.

" Remava er barcaiolo contro corrente
cantava che pareva er raglio der mulo
core mio quando la vedi non diglie niente
ma più che er viso de lei me piace er culo ".

 

3
5 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

5 commenti:

  • mauri huis il 08/04/2012 09:45
    m'accordo a Vito: strepitoso!
  • Anonimo il 05/04/2012 16:01
    Dal dolce stil novo a Trilussa?! mica tutti possono farlo in questo modo... serio e faceto, zuccheroso e dinoccolato... Versi molto graditi!
  • Anonimo il 02/04/2012 18:14
    Due linguaggi completamente diversi: il sommo Poeta e il rude Trilussa. È carina e fuori dal contesto di poesia classica; esce dagli schemi tradizionali. Bravo Vendetta.
  • loretta margherita citarei il 02/04/2012 17:13
    originale apprezzata
  • Anonimo il 02/04/2012 16:57
    Strepitoso Edmond

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0