username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Analisi

Oziava tranquillo nella sua scatola
cranica, come un cervello sa fare:
si trovò sezionato indagato disteso,
come su marmo obitoriale, costretto
a pensare per dare un senso alla vita.
Gelosi scrigni custoditi nel mare
del profondo violati dalla pallottola
di parole ben acconciate a scovare
nei meandri di sinapsi nascoste
quel pensiero negletto, cui s'avvita
con fatica la vita svelata dal detto.

 

1
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • mauri huis il 04/04/2012 19:19
    Poesia da cervellone e non solo per il tema. Bella la rima interna tra gli ultimi due versi e lapidarie sia l'apertura che la chiusura. Eri in forma. Complimenti.
  • Alessandro il 03/04/2012 17:54
    Bell'incipit con un cervello ozioso, di colpo vivisezionato da una violenta spinta al pensiero, all'interrogativo. Seconda parte ancora più interessante. Complimenti

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0