PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Ad occhi chiusi la melodia del mare

Sbatte la mia anima irrequieta
onda in burrasca sullo scoglio

Spumose emozioni
coprono silenziosi refoli di vento

Respiro lentamente
ad occhi chiusi

l'urlo del mare mi accarezza

librandomi nell'azzurro infinito
nel volo di un solitario gabbiano

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

6 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Raffaele Arena il 04/04/2012 00:44
    Ogni volta che leggo una tua poesia non rimango deluso. Anche in questo caso, nonostante da circa tre anni mi pare, non vedo il mare, lo posso annusare! Così come la tua sensibilità e dolcezza. grazie!
  • cristiano comelli il 03/04/2012 19:27
    Già, dolce Karen, chiudiamo gli occhi e in un istante ci scopriamo volo, un volo che non somiglia mai a quelli che abbiamo compiuto in precedenza. Forse è vero che riusciamo a librarci tra le labbra infinite del cielo più chiudendo gli occhi che tenendoli ben aperti. Perchè il cielo, a occhi aperti, sembra sempre un'infinita, per quanto gradevolissima, distesa d'azzurro di cui non riusciamo a disegnare i contorni. A occhi chiusi, invece, esso si fa immaginazione; e allora, anche ci trovassimo in una città in cui esso è pervaso dallo striolante fumo delle ciminiere, esso diventa l'azzurro ideale, una lavagna su cui scrivere tutto quanto riteniamo debba meritare di chiamarsi poesia. La vera poesia nasce chiudendo gli occhi, e si scrive riaprendoli, immaginando il fascino di poterli chiudere di nuovo e di partorire così nuovi, avvincenti slanci poetici. Ciao e complimenti.
  • Franco Baldini il 03/04/2012 13:26
    L' urlo del mare... evocativo e suggestivo. Questo elemento che parla con il suo rumore sordo che si infrange sugli scogli, col suo alternarsi di colori che riflettono gli stati d'animo e il volo di un gabbiano che ci trascina via dalla nostra quoditidiana mortificazione terrena verso altezze degne di un vero infinito...
    Complimenti..
  • Anonimo il 03/04/2012 13:15
    Sensazioni interiori ed emozioni paragonati all'intesità degli elementi della natura. In effetti c'è una correlazione tra la natura esterna e il nostro intimo sentire e Karen l'ha espressa molto bene. Complimenti!
  • Rocco Michele LETTINI il 03/04/2012 12:09
    Ad occhi chiusi annuso la Tua poesia Karen... Un altro gradito ritorno... E la Tua chiusa che splendore... che chicca... che sgorgo di sentimentooo!!!
  • Auro Lezzi il 03/04/2012 11:59
    Sapessi che poesia mi ricorda questa tua... Splendida.

14 commenti:

  • Anonimo il 04/04/2012 21:20

    vale la pena leggerti
  • denny red. il 03/04/2012 19:02
    Si, il rumore del mare, il vento l'onda il mare un volo.. una carezza..
    Bellissima!! Karen, Bei Versi Bravissima

  • Alessandro il 03/04/2012 17:52
    Ancora una volta ti dà ispirazione il tuo stretto legame con il mare. Piaciuta
  • Anonimo il 03/04/2012 17:24
    Ma che belle immagini Karen!
    Mi sembra di vederti, mi piace tanto... forse perchè mi ci ritrovo in questa tua.

    Bellissima.
  • Dolce Sorriso il 03/04/2012 16:33
    dolce Karen sempre colma di versi gentili e amorevoli... bella
  • Teresa Tripodi il 03/04/2012 14:36
    Ed ecco che viene fuori il cercato, lo scoperto o il non rivelato... si accompagna ad un ottica diversa quella dell'io quella che a volte non si ascolta perchè non si vuole ascoltare... mi piace
  • Gianni Spadavecchia il 03/04/2012 14:19
    Ad occhi chius, concentrandoti, ammiri l'immensità del silenzio e ascolti la melodia del mare.
  • Anonimo il 03/04/2012 14:19
    Un sogno meraviglioso Karen, belle immagini, corpose ad emozionanti,
  • roberto caterina il 03/04/2012 13:35
    sei tornata a volare in questa tua ultima voglia di infinito.. ciao..
  • Anonimo il 03/04/2012 13:11
    Gli elementi della natura richiamano sensazioni interiori ed emozioni provate. In effetti c'è una correlazione tra la natura esterna e il nostro intimo sentire e Karen l'ha espressa molto bene. Complimenti!
  • Anonimo il 03/04/2012 12:47
    Sei una sirenetta, cara Karen. Il mare è in simbiosi con il tuo spirito. Sarà per dove vivi, sarà perché sei così romantica, ma tramite i tasti di un computer, riporti in vita le sensazioni e gli odori del paesaggio. Bella anche la chiusa con le ali del gabbiano... Brava
  • Vincenzo Capitanucci il 03/04/2012 12:39
    Bellissima Karen... l'urlo del mare mi accarezza... librandomi nell'azzurro volo... dell'infinito...
  • Anonimo il 03/04/2012 12:16
    belle metafore... lirica liberatoria... un volo nell'azzurro infinito... bella complimenti Kare...
  • senzamaninbicicletta il 03/04/2012 12:04
    che bella e delicata questa intro, bravissima

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0