PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Piccioni

Girotondi
di piccioni nella piazza
ricordano certe giornate
dagli orizzonti chiusi
tra intrecci quotidiani
e identici ritorni.

Lo scorrere delle ore
per strade indifferenti
dentro una folla grigia
lontana, dal cuore e dalla mente.

Nel tetro muro dei palazzi
s'aprono sogni di libertà
come randagi desideri
mordono, con il pensiero
di boschi folti, densi
di suoni e di colori,
mari confusi al cielo, simili
a irripetibili miraggi,
isole fluttuanti sotto il Sole
di sabbie falbe tra i palmeti,
vertiginose vette aguzze
incappucciate dalle nevi,
venti oceanici dall'Ovest
sulle pianure d'erba sconfinate,
uomini, donne, gesti, parole
strade, città simili a misteriose
scatole cinesi
amori, amici, duri distacchi
resi pungenti dagli sguardi
e dalle spezie d'aria straniera.

Mille segreti rimasti celati
da mille partenze mancate
che non chiedevano ritorni
come non esita un momento
un lordo rivolo di strada,
e se lo fa subito colma
e poi riprende,
nella sua corsa verso il mare.

Forse è utopia infantile
alzare il capo oltre questo
andare via del tempo
lungo la strada
di quel che è stato
chiudere mille volte
l'uscio di una casa.

... per quante volte ancora
fino alla notte della vita?

 

3
3 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Rocco Michele LETTINI il 04/04/2012 11:20
    Un intreccio... di ricordi e di commozione la Tua poesia... Sì... per quante volte ancora fino alla notte della vita? Alzeremo gli occhi al cielo per far del loro volo il nostro sognar... FRANCO!!!

3 commenti:

  • Anonimo il 04/04/2012 19:36
    Penso che l'andare oltre è la fatica di ognuno di noi sente per sentirsi diverso. Ma ognuno di noi è diverso perchè ognuno di noi si sente speciale. Penso che, forse, guardare è già sufficente, sentire è già sufficiente. Penso che la differenza sta nel non focalizzare l'io dal noi!
  • Anonimo il 04/04/2012 08:21
    Non è utopia alzare il capo verso " il sognare altro " ma salvezza immaginaria da quella vita che spesso sentiamo stretta e soffocante!
    Il tuo è andare in profondità con la leggerezza di un volo di piccioni ma chiudiamo ogni tanto l'uscio della nostra casa e "voliamo"... un po' ci si salva. Bella bella!
  • loretta margherita citarei il 04/04/2012 07:53
    MOLTO APPREZZATA COMPLIMENTI

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0