username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Ipocriti

è d'uso comune
ricordarsi sia a Natale
che a Pasqua
d'esser
più buoni,
rispolverare sentimenti
di pace e d'accoglienza...

Attori protagonisti
in questi due periodi
nella farsa del buonismo,
con repliche, per la durata
di giorni quindici.

Calato il sipario,
spenta l'emotiva fiammella
ad illuminare i cuori,
si sbaracca la scena,
ritornando alla normalità.

Trecentocinquanta giorni
da passare pensando
solo a se stessi,
nella routine compiere
gli stessi gesti,

nel vedere ma ignorare,
nel tacere anzichè parlare,
nell'inerzia al posto dell'azione,

per poi, sconsolati,
il capo nel disappunto scuotere,
ad altri il peccato attribuire
se il mondo va male
e se impazzita la gente appare.

Si è dimentichi,
per nostro comodo,
che Pasqua o Natale
è ogni giorno
e che bontà
e amore non hanno
fissa scadenza.

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

3 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Madiel il 13/04/2012 20:10
    Hai espresso molto bene il tuo pensiero che condivido pienamente. Brava!
  • giuseppe bevacqua il 05/04/2012 09:01
    i poeti sono uomini comuni che sanno descrivere meglio di altri la cruda realtà delle cose. siamo tutti figli di un sogno.
  • Rocco Michele LETTINI il 04/04/2012 08:47
    Hai corredato il tutto con schietta franchezza... non posso, che essere con Te Loretta!!!

19 commenti:

  • salvo ragonesi il 10/04/2012 20:15
    dopo quei giorni tutto è dimentico e tutto tace nelle nostre coscienza. pura verita. piaciutissima. molto brava.
  • soffice neve il 07/04/2012 21:56
    plaudo al tuo pensiero
  • alessio pernarella il 06/04/2012 12:31
    nel vedere ma ignorare,
    nel tacere anzichè parlare, nell'inerzia al posto dell'azione
    GIUSTO!!!
  • Teresa Tripodi il 05/04/2012 16:17
    come non condividere il tuo pensiero in versi ed in completa verità, Loretta impougni la penna con estrema saggezza...
  • Anonimo il 05/04/2012 14:54
    È vero!! Dopo il "buonismo natalizio e pasquale"ritorniamo alla solita routine fatta d'indifferenza, corse senza senso e spesso solitudine. M'impegno ogni giorno ad andare controcorrente, ma con pochi risultati. Continuo ad insistere, malgrado tutto! ciao
  • roberto caterina il 05/04/2012 09:00
    spesso l'ipocrisia ha questa veste...
  • Anonimo il 04/04/2012 20:37
    Il tuo messaggio è di una verità cruda, condivido! Siamo attori sempre, solo che a Pasqua e a Natale ci sforziamo di fare i buoni per tutto il giorno.. Una salutone e bella poesia
  • Anonimo il 04/04/2012 19:43
    Che dire amica cara! Dovresti gridarla questa tua poesia o stamparla su centinaia di fogli da appendere ad ogni vicolo e strade importanti. Ma... sappiamo bene che non servirebbe a niente! Non c'è peggior sordo o peggior cieco di chi non vuole "capire"!
    Ti abbraccio dolce amica!
  • Anonimo il 04/04/2012 19:32
    Bellissima, complimenti!!!
  • Alessandro il 04/04/2012 17:51
    La bontà a piccole dosi, fatta coincidere con i periodi consumistici dell'anno. Vera e ben scritta.
  • denny red. il 04/04/2012 17:34
    è cosi.. sarà sempre cosi.. ogni natale ogni Pasqua, è cosi.. le persone.. si confessano e poi.. è cosi.. sarà sempre cosi..
    Brava! Lory, riflessi.. riflessioni.. cosi in un tempo..
    Bella!! Ben Scritta!
  • Marcello Piquè il 04/04/2012 14:44
    è vero, come dico io, queste feste ci prendono sempre un po' a tradimento. brava
  • Anonimo il 04/04/2012 13:53
    Brava Lor, hai dato la misura di quanto la gente crede. Se veramente credesse e avesse compreso il significato della Pasqua, più che del Natale, ci sarebbe più coerenza, più impegno personale, meno scusanti e meno ladri a comandare. Piaciuta molto.
  • Anonimo il 04/04/2012 12:27
    Brava Lor, condivido con te il tuo pensiero, ma condivido in pieno il pensiero di Karen!
  • Vilma il 04/04/2012 11:21
    parole purtroppo molto vere... apprezzata
  • karen tognini il 04/04/2012 10:31
  • gabriella zafferoni sala il 04/04/2012 10:27
    il cammino franco vuole passi curiosi, attenti alla ricerca, consapevole della difficoltà, forte e luminoso
  • Auro Lezzi il 04/04/2012 09:18
    Che il tuo cuore comandi sempre sul resto di te.
  • anna rita pincopallo il 04/04/2012 08:28
    poesia vera e condivisa bravissima

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0