PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Di ora in ora

Steli di vita smarrite
in questo sentiero di pelle
persi in una musica rude
che circonda quel cielo ribelle
Di morte in morte più scarna
si riaprono strette ferite
sotto il taglio di fredde lamelle
Portate dal vento le foglie
sembran note di un misero canto
che in un'aria di pallide nubi
si solleva scalfendo il rimpianto
Non sottende che vana tristezza
questo lento passare di ore
e ritornano agli i ricordi
nel fatale delirio del cuore

 

1
2 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 18/11/2012 08:37
    ... particolarmente apprezzata
    soprattutto per i versi finali,
    complimenti...

2 commenti:

  • loretta margherita citarei il 05/04/2012 20:20
    ben rimata complimenti buona pasqua
  • Alessandro il 05/04/2012 13:01
    Bel lavoro con le rime, ottimi gli ultimi quattro versi, esplicativi di quel passo lento del tempo che consente ai ricordi di tornare, per tormentare il cuore.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0