accedi   |   crea nuovo account

Crocevia Infinito

Mi trovo su una strada piena di direzioni,
come un crocevia infinito. Strade trascorse
e che ancora percorro, ma sono prive di lezioni.
Non mi hanno insegnato che a non capire
quello che in realtà vorrei fare. Perchè purtroppo
io che odio me stesso con tutto il mio dolore,
continuo indifferente a sognare. Quel luogo che non c'è,
la notte in cui mi perdo nelle stelle prive di colore.
E cammino come un girovago, in cerca di compagnia
ma non trovo nessuno, proprio nessuno, lungo la via.
Io sono un mendicante sul ciglio della strada,
in attesa di una moneta per poter riprendere ad avanzare.
Ma i miei piedi sono stanchi, anche se mi rialzo ogni volta
che mi butti giù distruggendo la porta, di quel mio capanno
in cui mi rifugio e fuggo da ogni affanno. E tu ora dove sei?
Non fai altro che continuare ad urlare, cantare, cercare.
Ti guardo in silenzio come il fuoco della terra, in attesa
di eruttare e inondare quel mondo privato dell'alba.
In questa notte eterna dove io sono un girovago,
perduto fra i pensieri di questi giorni.
E io ti aspetto, ma tu non torni. Dove sei?

 

5
5 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

5 commenti:

  • stella luce il 11/04/2012 13:47
    che il protagonista continui a sognare e non smetta mai di farlo... la strada da seguire da percorrere di certo verrà trovata, e con essa anche l'amore verso il quale il protagonista urla il suo richiamo... Dove sei???
  • loretta margherita citarei il 05/04/2012 19:48
    molto apprezzata complimenti buona pasqua
  • Anonimo il 05/04/2012 17:11
    Che non sia autobiografia... troppa solitudine e dolore si toccano con mano, e troppo giovane sei. Ciao!
  • Anonimo il 05/04/2012 17:06
    "E io ti aspetto, ma tu non torni. Dove sei?": ti auguro con tutto il cuore che la tua attesa non duri in eterno, bella poesia, ricca di impatto sentimentale, e tenera; scrivi bene Salva
  • Anonimo il 05/04/2012 17:01
    Bella poesia, densa di solitudine che diventa quasi un grido universale in una notte che sembra non finire mai... ma, io ti auguro che presto ritorni a splendere il sole. ciao

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0