PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Napulitanament

Me songh'annamurat'e Tè,
all'impruvvis,
nù sguard malizius,
nù surris,
e s'è araput'o Paravis.

A vocia Toia
è nù suspir'e mare,
nà melodia sensuale
ca m'arrevota l'Anima.
L'uocchie
sò duie spicchi'e cielo
cà brillano a luntan,
e a vocca
è nà fragola ammatura,
rossa e delicata;
tutt'o riesto
che tò dic'a ffà,
sì l'essenza da carnalità.

Sì fresca, prufumata,
t'incontro dint'o vico
me blocco,
resto n'cantato,
comm'e scugniziell
annanz'o banco de gelat.

Sì o suonno Mio,
turmiento da nuttata,
e o core ride e chiagne;
me songh'annamurat!

 

3
1 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • senzamaninbicicletta il 07/04/2012 14:06
    non c'è niente da fare... bravo all'autore, ma il naopletano già di suo è poesia

1 commenti:

  • Anonimo il 07/04/2012 14:07
    Innamoramento partenopeo. Difficile come ogni " dialetto" riportarlo graficamente ma è una lingua vera e propria e ti prego... niente traduzioni! Bellissima scugniziell!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0