PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Io sono la brezza sul mare

E se un giorno dovessi ritrovare questa mia follia
che mi spinge a parlare di quelle cose mai dette,
che mi fanno sussultare nella notte? Cosa farei?
Io vorrei essere il coraggio che non hai
e portare avanti e indietro le lancette
di questo mondo maledetto.
Dove il sole sorge e tramonta ancora prima
che tu l'abbia adeguatamente contemplato.
E se potessi riporterei qui la pioggia
insieme ad ogni singola goccia,
di questa nostra eternità.
Che mi permette di restare
semplicemente qui ad osservare,
tutto ciò che c'è.

Io sono solo una nuvola nel cielo,
pronto a diventare fumo. Sino a quando
non mi permetterai di ritornare,
a piangere la pioggia sopra il mondo.
Perchè io sono il vento vagabondo
che di notte scuote alberi e foreste,
e di giorno ti porta il profumo delle tempeste.
Quando mi ritroverai a camminare
lungo quella via sul mare, cosa mi dirai?
Semplicemente che io sono brezza
che si perde nella tua testa.
E allora portami via, lontano da ogni pietra
di questa spiaggia rovinata. Che più non c'è.
Non desidero altro che partire.

Fino a quando potrò restare in questo
mondo di fittizie verità ? Permettimi di cantare
quest'ultimo racconto di fantasia.
Perchè quello che voglio è questo,
restare sulle rive di un mondo dove la strada
si muove e va via. E mi resta soltanto
quest'unica certezza. Che la realtà
non è che una semplice mia
teatralità. E dimmi ora cosa accadrà ?
Domande su domande io ti pongo.
Ma una risposta mai arriva da
quel cielo che io guardo,
e che mi dona serenità.

E io ora mi ritrovo sul ciglio di una strada,
sono il vento che porta la verità.
Niente e nient'altro.
Solo questo e tutto quanto.

 

3
1 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • mauri huis il 08/04/2012 08:29
    Testo molto buono, ispirato e profondo. Lo stile è ancora un po' incerto, ondivago fra qualche rima di troppo, a volte e a volte no, ma la profondità dei concetti e la spontaneità lo riscatta ampiamente. Musicale lo è per nascita, originale pure. Complimenti sinceri.

1 commenti:

  • Vincenzo Capitanucci il 08/04/2012 11:17
    Riportarti in sole... in piccole gocce di eternità...
    Molto bella... Salvatore...
    Buona Pasqua...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0