PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Un albero

dai miei rami
i semi sono volati altrove
colpi di vento e grandine
hanno disperso i petali

adagiati su folate d'ira
presto attecchiranno
su un terreno distante
e poseranno esili radici
nell'humus di vendetta
d'una società sterile
che non conosce umanità

dall'alto mio tronco
osseverò impotente
questa natura che decide
chi sia salvo o perso

e non sarà felicità un fiore che nasce
ma dolore
per quello che non ce la farà

 

5
8 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Vincenzo Capitanucci il 10/04/2012 11:36
    Il dolore di un albero... per un seme non nato... rispecchia la nostra società... priva di umanità...

    Bravissimo Sergio... l'impotenza... che ci sovrasta...
  • Auro Lezzi il 10/04/2012 11:15
    Un bell'inno all'inizio della vita... Molto delicato e vero.

8 commenti:

  • stella luce il 11/04/2012 19:16
    il dolore di un albero che non vede crescere il suo seme... il dolore di una madre che non vede in questo modo un terreno capace di dare un sano futuro a suo figlio... bellissimi versi...
  • Teresa Tripodi il 10/04/2012 22:27
    è una metafora che è vita e da la vita e la morte... possiede il fusto di una quercia e mi pice molto... meraviglioso
  • loretta margherita citarei il 10/04/2012 20:34
    profonda poesia, fa riflettere
  • Anonimo il 10/04/2012 19:14
    "non sarà felicità un fiore che nasce
    ma dolore
    per quello che non ce la farà" ... stupenda questa immagine. Bravissimo!
  • Anonimo il 10/04/2012 18:52
    Quale destino più tragico per chi, con radici piantate così a lungo e in profondità nella madre terra, con rami sempre rivolti al cielo, è costretto a subire il triste destino del suo stesso seme che, tra il capriccio del vento e la svogliata pioggia, deve depositarsi e languire nella voglia di un fiore che non può fiorire nell'antico sorriso della speranza...
  • Alessandro il 10/04/2012 17:25
    Originale punto di vista sulla natura, dove chi parla è parte del ciclo della natura stessa. Nella chiusa, viene privilegiato l'aspetto più malinconico di questo ciclo, dove si piange per il fiore mai nato. Piaciuta
  • mauri huis il 10/04/2012 14:26
    Buono lo stile e anche il testo, al solito. Purtroppo credo siano eccessive le aspettative. Il bicchiere sarà così sempre mezzo vuoto... arrivederci Sergio
  • Anonimo il 10/04/2012 13:45
    Significativo quest'albero! Faccio mio il commento di Vincenzo. ***** Franco

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0