PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Bambina viziata

Bambina viziata

O società come sei crudele,
tutto da te, pende.

Il destino umano,
potrà mai spezzarsi da te?

O bambina sprovveduta,
tu non sai,
ma navighi nel groviglio,
di una società che non ti permette di crescere.

Non diventerai mai te stessa,
la società,
presto ti ha assoggettata,
presto ti ha appassita,
senza nulla domandarti.

Presto, sei cresciuta,
presto sei appassita,
presto sei morta.

O società, o grembo, perfido,
hai voluto, forse riscattarti?
Da cosa?
Carpendo il fiore della gioventù,
ancor prima d'essere sbocciato.

 

0
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • Anonimo il 10/04/2012 18:11
    Ogni epoca ha avuto i suoi demoni, la nostra, in particolare, ci sembra piena zeppa della loro presenza forse perchè la viviamo! Oggi, però, abbiamo l'obbligo di renderci più consapevoli. La società non è un'entità a sè. Forse è arrivato il tempo che ognuno di noi prenda coscienza e nel suo "piccolo" inizi veramente ad interagire anzichè sempre accettare! Piaciutissima!!!!
  • Alessandro il 10/04/2012 17:19
    La società che distorce l'innocenza e la bontà della gioventù. Piaciuta

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0