accedi   |   crea nuovo account

Ode al bagascio

Canto al gatto bagascio,
che un dì presi
e che, ormai,
più non lascio,
canto ai suoi occhi di giada
che dan luce
lungo la strada,
al suo abbraccio sornione
che mi avvolge
e regala emozione,
al suo baffo vibrante,
al suo manto setoso
che al pensiero dona riposo,
al suo far coccoloso,
al suo muso ruffiano,
al suo poltrire ozioso
che ti dice : io, sì, so' filosofo,
canto al suo miagolìo
che, ohibò..
pare proprio il mio...

 

3
3 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

3 commenti:

  • Salvatore Maucieri il 10/04/2012 22:08
    Ottima opera. Piaciuta la rima. Complimenti. Ciaooooooooooooooooooooooooooooo
  • loretta margherita citarei il 10/04/2012 19:56
    bella filastrocca apprezzatissima
  • Alessandro il 10/04/2012 19:05
    Bella dedica alla classica immagine del felino pigro e sornione, che ama essere coccolato. Piaciuta

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0