username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Tracce

Un sorso di vita vorrei assaggiare
dal bicchiere del tempo...
È lì, che si può assaporare il tuo sguardo
che nella ragione si perde
Vagando negli aridi segni
che il divenire del giorno riporta
Alla normale purezza...
quasi fosse... O-Dio...
O-Dio, la mia figura
si nasconde quasi a voler calare lo sguardo inerme
Come segno di resa...
E senza sentire ascolto la notte
dei cani randagi e delle puttane
Che ognuno a suo modo dispensi giudizi
Agli occhi del saggio si deve passare...
Passare e pagare ma senza tacere
Perché nel sogno si può anche rubare
E io ti ho rubato quegli occhi una sera
All'ombra di un rosso tramonto
che l'acqua riflette rendendolo nuovo...
cosi ti ho cercato per dirti O-Dio...
O-Dio la forza che non so avere
I silenzi che mi fanno parlare di te
Anche se di te mi riempie il solo essere...
E allora guardo, nel manto di fiammelle
e se una brilla di riflesso alle mie spalle
sarai tu...
allora forse esclamerò O-Dio!

 

6
3 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Rocco Michele LETTINI il 11/04/2012 09:01
    Tracce di un chiaro messaggio di ribellione... per l'assaggio (cercato) di sorsi di vita reale... di vita serena che poi... non.. BRUNELLO

3 commenti:

  • loretta margherita citarei il 11/04/2012 20:44
    molto apprezzata complimenti
  • Anonimo il 11/04/2012 10:30
    O-Dio... e la ragione si perde tra domande e risposte che occhieggiano, ci sfiorano e poi ci stringono il cuore smarrito. Bellissima introspezione in versi sereni, tranquilli e davvero godibili!
  • roberto caterina il 11/04/2012 09:26
    Tracce di sogni, ricordi, riflessi che non sempre diventano aridi segni..

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0