PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

I marinai

Il cielo si sveste dall'ombra
ed il sole illumina i viandanti cirri
che ancor accarezzano l'orizzonte.
Nel mare un arcobaleno mostra il nuovo dì
variando il bianco delle vele
che ancor timide
guardano il ciel.
Fumano i legni ancora umidi
dalla notte scorsa,
in balia del mar e dell'onda.
Sfiorano il nattante
i bianchi gabbiani,
quasi a richimarar i marinai
al nuovo dì.
Essi imprecano al vile tempo,
hanno l'occhio clino ed assonnato
e s'incoraggiano a vicenda,
spiegando l'ultime vele al cielo.
Mentre dalla costa le anime
s'agitano al lor tornar
sventolando mani e cenci di caloroso calor.
Il ritrovarsi a calpestar la terra
gli stimola il cuore
mentre d'abbracci cresce
il loro amor.

 

5
4 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

4 commenti:

  • Vincenzo Capitanucci il 13/04/2012 07:04
    che son quelli dell'anima umana...
  • Vincenzo Capitanucci il 13/04/2012 07:03
    Bellissima Salvatore... si sente che sei un Uomo che vive vicino al mare... ne hai sempre interpretato bene... le sue onde... i suoi mestieri... i suoi misteri...
  • loretta margherita citarei il 11/04/2012 20:52
    molto apprezzata complimenti
  • karen tognini il 11/04/2012 14:11
    Splendida Salva.. I marinai.. una vita difficile quanto bella.. cullati dall'onda...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0