accedi   |   crea nuovo account

Senza tempo

Semplici e adunche ore
sul greto di un'attesa
senza tempo,
bagnata e irta
la tenace sosta
che lieve si confonde
con il pianto.

Favella tace
ma di pensiero
colma la gola
come l'effluvio
tra l'onda e la risacca
che spuma infrange,
sui tuoi silenzi arditi.

Si ledono i filari
quando di acini la via è ingombra
dopo un'estate gialla
corrosa dall'arsura
poichè l'asciutta fonte,
non ha più acqua per la mia sete.

 

3
2 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Dark Angel il 08/05/2012 11:07
    tecnicismo eccelso per questa poesia (i miei complimenti oscuri)

2 commenti:

  • Manuela Magi il 09/05/2012 20:31
    Grazie ragazzi
  • Alessandro il 12/04/2012 17:28
    I suoi silenzi prosciugano la fonte, la sete non può essere più lenita. Ottima

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0