accedi   |   crea nuovo account

Lo pròvo differente

Solitùdine? Tàle che
stòlto, vòlto
drogàto, a tràtti sènto.

Di non éssere sòlo
pàrticella impèrfetta.
Nel tùtto, buòno e càttivo

tra càtivibuoni e buonicattìvi
alièni, alienàti,
umàni, mòstri, animàli,

piànte in plàstica,
vegetàli vìvi.
Nel piàcere e dolòre o assènza

Prèsenze invisìbili
sentìte, dipartìte
che non vàle per chi vìve e respìra

con piàcere e dolòre
continuàmente si sènte
e còme lo pròvi tu, lo sènti tu

io lo pròvo differèrente
ognùno a suo mòdo
chi più, chi mèno, quàsi

allo stèsso mòdo
ma similàre, non idèntico
psicofisicàmente nel tùtto col niènte

continuamènte, complicàto
e pretècnologici ancòra
interconnèssi da fìli, da cuòre

a cuòre, con òdio
e amòre, uàirless,
per l'infinìto elettronicàmente orgànici

vìvi, in un dèlirio
universàle, che sàle.
E sàle e scènde, tàle.

 

2
1 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • roberto caterina il 12/04/2012 08:20
    L'ambizione è di vivere in un delirio universale? Dipende da come scende e da come sale la fantasia di provarla differente. Il rischio è di rimanere tale e quale...

1 commenti:

  • Anonimo il 14/04/2012 21:43
    vero e proprio estro... belle e particolari le tue liriche mi complimento caro amic tra preferiti... baciotti

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0