username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Dicono di te

dicono di te...
che arrivi e scendi al calar del sole
calze autoreggenti
non ami troppo aspettare
che insegui le ombre
fuggi la luce
nuda ti basta un velo nero
che il tuo sguardo non è mai sincero
dicono che esci con tutti
a volte con la luna
altre sola e poi
abbracci le stelle ad una ad una
dicono che regali sogni ed illusioni
alla finestra dei ricordi
resti a guardare
che fuggi il presente
non pensi al futuro
che i tuoi incubi fanno paura
dicono che sei di facili costumi
che con te tutti vengono a peccare
in realtà li accogli in te
e la tua casa è aperta a
chi in te si vuole rifugiare
che dipingi di nero anche il mare
che scrivi poesie
che per il giorno muori d'amore
che hai un solo colore
dicono che il tuo passo
attraversa il cielo
fino al mattino stanca
io ti vedo dolce e passionale
vera
dice di te chi non sa capire
che il giorno che non eclissa il sole
ti può ferire
e sa nascondere meglio di te
tutti i segreti
dice di te chi non ti sa ascoltare
ed io ti vengo a cercare
i tuoi consigli
forse perchè notte
tu... mi somigli

 

2
7 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Antonio Garganese il 02/09/2012 19:15
    La personificazione della notte, scura, avvolgente, rassicurante. Alcuni pensano che protegga dalle cattive azioni in realtà come tu affermi sapientemente, attenua i rumori e induce a pensare.

7 commenti:

  • Emanuele Perrone il 15/06/2012 21:56
    secondo me è troppo lunga
  • Nicola Lo Conte il 04/05/2012 14:49
    "abbracci le stelle ad una ad una
    dicono che regali sogni ed illusioni"
    Si critica, in genere, ciò che si invidia degli altri!
    Tu sei viva ed hai il coraggio di scegliere la tua strada.
  • augusto villa il 24/04/2012 21:31
    È già la seconda poesia che leggo sulla notte...
    Ti deve piacere parecchio... e ti capisco!
    Brava! -----------
  • Anonimo il 13/04/2012 09:45
    La Notte e la Donna... affascinante similitudine la tua e voglio dirti anche che il tuo modo di scrivere "senza respiro" è originale, spiazzante, coinvolgente e a me piace molto!
  • karen tognini il 12/04/2012 14:56
    Molto molto bella Laura.. dicono di te...
    che arrivi e scendi al calar del sole
    calze autoreggenti
    non ami troppo aspettare
    che insegui le ombre
    fuggi la luce
    nuda ti basta un velo nero
  • roberto caterina il 12/04/2012 14:10
    rassomiglia un po' ad una canzone della Berté -- sai e la luna bussò-- ma bella questa somiglianza con la notte, spesso più voluta che reale...
  • gabriella zafferoni sala il 12/04/2012 13:49
    piccante ritmo a sfondo mistico

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0