accedi   |   crea nuovo account

Poesia

Le febbricitanti tempie
appoggiate sui bianchi seni,
sollevano il battito dei sensi
e il respiro che preme sopra i fianchi.

Le mani sul profilo vanno,
come matite su carta trasparente
a pitturare la sapiente fronte
dove abita il pensiero
che ghermisce.

Si assopisce il vento
che ondeggia i lampioni del viale
come il corpo di un amante
che sull'alcova si adagia mollemente.

 

4
5 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • cristiano comelli il 13/04/2012 19:16
    Buone immagini ricamano un'elegante poesia che designa il lento e maestoso comporsi di un amore intensamente sentito e vissuto senza barriere. Complimenti.

5 commenti:

  • Manuela Magi il 14/04/2012 11:05
    Grazie amici, buon fine settimana
  • Alessandro il 13/04/2012 19:19
    Bel componimento, prima strofa in cui avvertiamo le incidenze "fisiche" di una passione sognata, seconda strofa molto particolare, la terza rappresenta una conclusione di quieta sensualità. Ottima
  • Simone Scienza il 13/04/2012 16:52
    Bellissimo l'accostamento dell'ultima strofa... la grazia del vento sagomarsi sul succoso frutto
  • Anonimo il 13/04/2012 16:39
    incredibilmente sensuale e stilata con vero estro...
  • Barbara Scarinci il 13/04/2012 15:53
    bella ardente e piena di passione la parte iniziale, dolce e quieto il finale, proprio come un atto d'amore!!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0