PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Aprile

Grigio il cielo
il vento sibila serpente
striscia sui tetti della case
e poi si veste da orco
e comincia ad urlare
bussa alla finestra chiusa
vorrebbe entrare
mendicante di sole
sola in questa stanza
resto a guardare il cielo
e in lui sperare
Eppure nell'aria c'è qualcosa
che porta via la fine
il profumo di una rosa
il volo di una rondine
che ha passato quel confine
attraversa il cielo
una speranza sincera
sembra novembre
ma siamo a primavera!
Donne sciogliete i capelli
profumi e gli alberi
fiori a volontà riccioli ribelli
verdi di tonalità diverse
il grano folto come i capelli
di un bambino il vento gli
accarezza la frangetta
ancora non è ora di tagliarli
e lui non vuole stare a capo chino
ma arriverà l'estate
chiuderà la scuola
il verde di quell'età
e ad abbassare il capo
alla maturità
l'aria è tiepida carezza
che ricama intorno le colline
le ha vestite di rosa
sono tornate bambine
i cespugli esplodono di vita
cantano come acque di un fiume
colori tenui di matita
un nido e un merlo implume
primavera è arrivata
con una danza
apro quella finestra chiusa
entra affannoso il vento
ecco si è quasi calmato
prego... entra speranza
e lui... ride contento!

 

6
5 commenti     3 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

3 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Floriano Crescitelli il 26/06/2014 17:51
    Belle immagini per la mia stagione preferita, non avrei menzionato l'età nel testo simbolo di alcuni schemi sociali, il resto mi piace, da una sensazione di voglia di libertà.
  • Gianni Spadavecchia il 13/04/2012 15:17
    Poesia sulla benvenuta Primavera. Versi sciolti e scorrevoli.
  • Rocco Michele LETTINI il 13/04/2012 10:22
    Un affresco aprileo encomiabile... Altre pennellate... SU_PER_FLUEEE!!! LAURA

5 commenti:

  • Raffaele Arena il 16/04/2012 00:07
    Come una filastrocca da legger sussurrando con un alito.. di vento!. Che secondo la medicina antica tradizionale cinese il nostro respiro è vento, e questa poesia la si respira, e quanto fiato dà tanto è bella!
  • Salvatore Cipriano il 14/04/2012 23:31
    La primavera, esplosione di vita ma ancora condita dalle tenebre invernali. Ricca di metafore questa poesia.
  • senzamaninbicicletta il 14/04/2012 01:47
    molto gradevole, alcuni spunti molto originali.
  • laura marchetti il 13/04/2012 15:14
    NULLA È PIU' INDISPENSABILE DEL SUPERFLUO E LA PRIMAVERA... È SEMPRE LA PRIMAVERA QUALSIASI MODO LA SI CANTI
  • roberto caterina il 13/04/2012 10:23
    Bella, Laura, questa tua descrizione intessuta di forza, vento e natura..

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0