accedi   |   crea nuovo account

Anna

Buio, nella mia tana di animale ferito.
Un buio caldo, umido, senza tempo.
Un buio così sicuro di sé,
da soffocare la flebile fiamma della ragione.

Vorrei alzarmi, fuggire, uscire alla luce,

ma la vita non mi sorregge più,

è stanca di me, del mio penare,

del mio patetico dibattermi,

appesa ad una fiducia incoerente, ridicola.

Ondate di dolore mi assalgono,
percorrono i miei nervi,
tesi nello spasmo di chi attende l'evento finale
Lo implora... lo invoca..
Non c'è più spazio neanche per Dio.
Cosa ho fatto per meritare questo?
Perché?...

 

0
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • Anonimo il 23/10/2009 13:29
    bella... descrive bene certe sensazioni
  • Egon il 16/06/2007 22:06
    mi piace

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0