accedi   |   crea nuovo account

Povero Giotto, e il suo campanile!

Oggi sul giornale ti leggo la notizia.
Stà sgretolando il campanile,
pezzi di marmo e travertino!

Ci mancava questo al turista
o all'incredulo fiorentino.
A chi ama l'opera d'arte mondiale.

Costernati da fatti sì gravi
non ci voleva questa nova,
tutti i giorni ce n'e' una,

e la luce d'uscita, nel tunnel
l'è sempre più lontanta e fioca.

Per chi suonerà, se potrà ancora
la prossima volta la campana?
Che suoni suono di pace almeno,

e non di allarme, cambiando il mio
e il tuo spirito, e in specie dei politici
malaffaristi ed arroganti

che la politica oramai è ìmposta
non è più popolare decisione,
che di rado lo è stata. O forse mai?

Povero Giotto e il suo campanile!
Anche lui per ora ha perso la sua libertà
e noi quella di vederlo da vicino

transennato tutto intorno, in attesa di notizie
ma la ragione è chiara: mutamenti di umore,
climatici e smottamenti tellurici sotto la piazza.

E poi arriveranno pure i talponi, a scavar a ramengo
che anche il Brunelleschi abbia a preoccuparsi?
Sia ripeto suono soave, a sollevarci
da questo continuo scempio scriteriato.

 

0
0 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0