accedi   |   crea nuovo account

L'ultima poesia

Muri corrosi dal tempo
facciate rifatte
hanno abbattuto piante
costruito cancelli
il vecchio noce non c'è più
al suo posto una panchina vuota
l'asilo e la scuola elementare
tutti via
le poste hanno chiuso
lo spaccio
l'abbandono è sempre stato
la tua malattia
un tuffo al cuore vederti
casa mia!
dietro quella finestra chiusa
mi spia un passato
corse di vento e ginestre sogni
e bolle di sapone
profumi mazzolini di viole sapori
che non ho più sentito
suoni che non ho più udito
orecchini di ciliegie e strade polverose
ginocchia sbucciate
fonte di marmo e acqua fredda
era lontano il mare
la voce di mia madre che chiamava
alla finestra
sotto al terrazzo di Bastiano
tornava a riprendersi il nido
la rondine a primavera
farfalle bianche l'inverno e mani
sempre gelate e gote rosse
notti d'agosto di falò e illusioni
lucciole e fate
campi di sassi e di ortiche
tornavan d'estate gli emigranti
caramelle e auto colorate
canzone... pensieri e parole
era già una nostalgia
non lo sapevo ancora casa mia
ho mantenuto la promessa sono qui
sempre la stessa
forse sei tu che sei cambiato passato
un nido che non c'è più
un cane si avvicina solo una carezza
un gatto nero di fuliggine attraversa
la strada veloce
come un lampo il tempo
due ragazzi davanti al dopolavoro
le fabbriche hanno chiuso

12

1
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • Raffaele Arena il 21/04/2012 09:54
    orse sei tu che sei cambiato passato
    un nido che non c'è più
    un cane si avvicina solo una carezza
    un gatto nero di fuliggine attraversa
    la strada veloce
    come un lampo il tempo

    Fantastici versi questi, come tutta la poesia un vero capolavoro sul ricordo di qualcosa che viene da piangere tanto è camnbiato. bellissima.
  • mariateresa morry il 16/04/2012 14:31
    Mi complimento, davvero bella intensa fervida di ricordi senza mai cadere nel lacrimoso. Vedere l'abbandono e lo sfacelo do ora, davanti alla tua casa e ai luoghi d'infanzia amati e nello stesso tempo saper ripercorrere momenti, immagini, persone... È una poesia che corre su due livelli l'oggi e lo ieri intrecciati.. Molto bella!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0