accedi   |   crea nuovo account

Gabbiano

Nel prato vicino casa
dove si usa andare con i cani
volano sulle nostre teste
anche i gabbiani,
che con il loro vociare stridulo
richiamano l'attenzione
per un po' di cibo.
Sono veramente splendidi,
però che tristezza
mi viene da pensare,
anche loro si son dovuti adattare
a diventare cittadini per poter mangiare.

 

5
5 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 12/08/2013 06:29
    Splendida complimenti..
  • Andrea Pezzotta il 16/04/2012 15:34
    è triste pensare che per mangiare proprio coloro che vivono privi di confini siano costretti a crearseli.. ancora più triste dire che la causa siamo noi, molto bella

5 commenti:

  • Floriano Crescitelli il 12/05/2012 22:49
    Occupiamo tanto, troppo spazio, poveri animali
  • loretta margherita citarei il 16/04/2012 20:32
    sempre saggia brava bella riflessione
  • Anonimo il 16/04/2012 19:08
    Hai ragione Anna Rita, giusta osservazione. Io ho visto un bellissimo gabbiano che mangiava le briciole di pane sul davanzale in un ospedale...
    Brava Anna Rita.
  • Anonimo il 16/04/2012 18:02
    Cittadini per poter mangiare, ma non hanno perso il vizio di ca...
    Magari, il comune di Roma sta già pensando di far costruire, per questi nuovi nomadi, dei loculi con servizi, chissà! Brava Annarita.
  • Vincenzo Capitanucci il 16/04/2012 15:35
    Cittadini per mangiare...

    Molto bella Annarita... lontani dai loro lidi...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0