PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Amore meridiano

Accecanti bagliori di luce sull’aia,
latrati in lontananza,
cicaleccio di gallina gaia,
aria tremula che danza.
Librar di api e di farfalle
Gracidar di rane nello stagno,
Assordante frinire di cicale…
Tra le fresche mura
Della nostra camera buia
Distesi nel fresco di lavanda
la tua mano mi sfiora appena…
lenta… dolce… carezza d’amore…
D’estate tutto è calmo
Nell’ora meridiana
Per la calura che cuoce…

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

11 commenti:

  • angela testa il 01/06/2010 18:01
    Molto espressiva...
    bellissima emozione...
  • Andrea Arvati il 07/03/2010 20:58
    davvero un bello stile! complimenti
  • Enola Gay il 26/09/2008 16:16
    Bello l'uso degl'infiniti, come a constatare una natura ciclica, e il presente, come in una foto che ferma l'istante in un'immagine sempre viva.
  • sara rota il 04/07/2007 08:05
    Bei suoni... tutt'intorno la natura canta... tu e lei ascoltate... in silenzio...
  • Santina Luzzi il 23/06/2007 23:08
    Scusa Gian, non so come, ma ti ho cambiato nome, la troppa calura di oggi!
  • Santina Luzzi il 23/06/2007 23:04
    Ciao Ro, è sempre molto piacevole leggerti. Sei osservatore attento e sensibile di questa nostra meravigliosa natura. Santina
  • MD L. il 23/06/2007 17:29
    Fuori una meravigliosa natura vive con luce e suoni. Dentro al fresco inizia il contatto amoroso. Bella poesia! (ma perchè nel commento parli solo di dolci ricordi? Non buttarti a terra Gio!) Un saluto da Kady
  • Gian AR il 20/06/2007 17:24
    Grazie per i commenti. Estate, tempo di passione, per me comunque sono solo dolci ricordi. Ciao gio
  • laura cuppone il 20/06/2007 16:12
    Ciao Gio!!!! Bentornato!!!! mi mancavano le tue odi alla natura e quest'estate frenetica di animali e aria tremula... mentre due corpi, al fresco, nel torrido pomeriggio... si amano. Adoro i pomeriggi d'estate... lunghi, caldi e a volte solitari...
    bella... ciao L
  • roberto mestrone il 20/06/2007 11:53
    Momenti d'amore estivi, nell'intimità di una stanza buia... e fuori un intreccio di voci e luci che che animano l'aia.
    Bravo Gian!
    Ro

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0