PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

[Senza titolo]

Corvi di piombo
con passi silenti
lasciano il nido e attraversano la prateria.
Quieti e dispersi
camminano sulla nostra coscienza,
passata,
promessa,
non mantenuta,
solleticando corde che so e che sai essere ancora.
E poi, inciampando in ghiaie che il mare farà asciugare più in là,
destandosi da torpori passati,
ogni volta più cattivi,
con becchi filati
ci ricamano addosso corredi polverosi
che non ricordiamo appartenerci.
I corvi muti,
rivoluzionari,
mostrano i denti
a noi
che fraintendiamo carezze
che non sanno di esistere.
Non hanno timore del cobalto del mare,
delle sferzate,
delle sabbie umide e traditrici.
Solo di noi
che mastichiamo affetti
come fossero pane secco
che distrattamente anticipa un futuro che forse non è.

 

0
1 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

1 commenti:

  • laura cuppone il 20/06/2007 23:11
    molto negativa la visione di un futuro che infondo potrebbe essere l'inevitabile conseguenza di questo presente...
    mai perdere la speranza... Andrea...
    ciao L

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0