accedi   |   crea nuovo account

Nello scrigno di Giuseppe Mazzini

Rifulge come un dardo di miele
tra i polmoni immacolati
di un vivido firmamento
questo afflato di anime intarsiate
che ha nome Risorgimento
che ha per madre la libertà,
e per padre la carezza
dell'umana dignità;
Italia,
una sei nella vocazione e nel cuore,
una sei
nel dono che possiedi
di saper rinascere da ogni tuo dolore,
e come conchiglia di marzapane
offri ristoro agli echi effervescenti
di una storia lontana
che condurre intendi fiera
in una maestosa forma repubblicana.
Grazie,
mia Genova superba e marinara
che cantasti il tuo indomito navigare
con la voce di una timida lanterna
che con la sua luce da sempre gioca
a rincorrersi con la pelle del mare;
mi fosti grembo
ti pensai città
ti scoprii patria,
che mi chiamava a lottare
per affermare il dolce primato
di una patria assai più grande;
quanto profuma di te,
mai forse lo saprai
il fiato coraggioso e amorevole
di questa Giovine Italia,
sogno pazientemente cesellato
tra un articolo di giornale
e il mio portamento altero di avvocato;
più mi arrestavate,
egregi censori delle mie aspirazioni,
e più i miei sogni di libertà
spiccavano il volo
come dispettosi e indomabili aquiloni;
la patria, mai lo sapeste o saprete,
non è un'ignobile puttana,
che si lasci maneggiare
da qualunque fetida impronta
di dita opportuniste,
"la patria è la casa dell'uomo,
non dello schiavo";
non vi è democrazia che non passi

12

0
0 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0