PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

In ricordo di Voi e per Voi

Come stai?
Come state?
Di Noi si perse il giorno,
malinconie di un cielo ché inespresso.
Avremmo forse, consentendo il
tempo...
potuto esser sorelle...
fors'anche cugine.

Vi vidi alla ringhiera
della veranda antica
dai sette... ai nove anni...
La terra sapeva di bosso
e di ferraglia rugginosa.
Fu proprio quell'odore, a rivelarmi
il pianto. Guardavo i vostri volti...
E ne provai dolore,
i vostri sguardi, il mio...
restavano perduti, senza incontrarsi:
"Noi non vogliamo dirti,
che Tu, ci rassomigli...
Perché sei una introversa; così, si dice."

Vi scrutai ancora...
Sì tanto smarrimento
senza nessun fastidio, mi sconvolse.
Eravate quiete, composte...
Le ciglia appena mosse, al tremito del vento.
Eppure, nei mesti occhi, c'era lo stesso
pianto
e quella pioggia che da me scaturiva
a catinelle...

Vi vidi, nel proseguo, su due fronti: il timido
Universo
e il muto albergo.
Dalle nostre radici
esala il sangue che amate...
senza parole
perché
parlar dei morti "ottenebra la mente".
Ed io, che parlo loro,
disturbo, inutilmente.

Cugine,
non sapeste
che Noi ci somigliammo
nel timbro della voce... eccetto, quel
concetto che si oppone,
all'idea spazio-temporale.

12

1
1 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

1 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0