accedi   |   crea nuovo account

Giorni nuovi

Resto fermo vicino alla luce,
bianco il vestito e le scarpe,
la cenere di profumate candele,
colora i lucidi capelli neri.
Al vederti muovo le braccia,
rimaste sopite dal freddo inverno,
movimento lento ma costante,
verso il tuo viso che fiero le accoglie.
Libero arbitrio, infuso di foglie di melo,
dolce sapore di fresca rinascita,
riporta il ricordo del giovane tempo
che malinconico ma insperato ritorna.
Forse che sia la nascita di nuovi presagi
liberi da contaminazioni autolesioniste?
Forse la rinuncia di necrotiche azioni
delibera la strada al giusto indirizzo?
Paziente la risposta giungera' stupendomi,
risoluta, senza malinteso, calante,
traduzione delle misteriose domande
che repentine torneranno certezze.

 

5
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • Ferdinando Gallasso il 19/04/2012 11:13
    "riporta il ricordo del giovane tempo"

    Bellissima questa poesia, delicata e suggestiva.
    Una lettura che emoziona, bravissimo
  • Anonimo il 19/04/2012 09:53
    Forse un po troppa enfasi. Ma la certezza di giorni nuovi la giustifica ampiamente. ***** Franco

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0