accedi   |   crea nuovo account

Giapponese

Una sosta nell'ombra
rosea dei fiori di pesco
un sorriso e un ombrellino
giapponese per le lievi
piogge primaverili
è l'incanto
di fanciulla
che mi rende felice...

Non le chiedo di scrutare il cielo
come un gabbiano
ma di vedere il mare lontano
in tempesta
con i suoi occhi misteriosamente
allegri e verdi di boschi accesi
con sospiri appena velati
d'umido...

Poi il viaggio mi chiama
Arrivato sulla spiaggia
colgo un fiore per lei
Mi attende
un pensiero fuggito
agli scrosci improvvisi di pioggia
prigioniero della sua invisibile essenza
d'affetto.

 

5
6 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • senzamaninbicicletta il 19/04/2012 12:00
    una bellissima dedica, l'esoticità la rende ancora più attraente. "Non le chiedo di scrutare il cielo come un gabbiano - ma di vedere il mare lontano in tempesta" molto profondo questo passaggio. Molot bella e a tratti soave. Complimenti

6 commenti:

  • karen tognini il 19/04/2012 12:25
    Molto bella Roberto.. e poi quegli occhi verdi che ti seguono...

    bravo!!!!!!!!!
  • Vilma il 19/04/2012 12:13
    molto bella e dolce... complimenti
  • Anonimo il 19/04/2012 11:59
    Bellissima e leggera come Madame Butterfly ***** Franco
  • anna rita pincopallo il 19/04/2012 11:48
    complimenti molto bella e dolce è bellissima
  • Don Pompeo Mongiello il 19/04/2012 11:14
    Un laudo dovuto per questa tua veramente tanto bella!
  • Rocco Michele LETTINI il 19/04/2012 10:55
    Il mio plauso... per questi teneri versi...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0