PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Autunno primaverile

Sparuta e strenua foglia
attendo solitaria il caldo estivo
sul ramo che il mio autunno ormai rispoglia.

Anche se avevo, ed ero, argento vivo
ormai non sento, e non ho più, calore
ed il mio spirito fiaccato e schivo

s'accende di rossore.
Ancora un poco e perderò nel viaggio
anche quest'ultimo colore:

gialla sarò e non me ne dispiaccio
se in braccio ad uno zefiro giocondo
mi leverò d'impaccio.

 

12
9 commenti     3 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

3 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • stella luce il 21/04/2012 09:13
    versi malinconici, nei quali tutti ci possimo ritrovare... non forse la nostra vita come una foglia... prima gemma, poi verde di vita scaldata dal grande sole del destino, e per morire infine quando all'arrivo dell'inverno i colori cessano di essere per tornare all'amata terra... certo esistono i sempre-verdi, ma forse quella per chi crede, è la nostra anima... bravissimo
  • senzamaninbicicletta il 20/04/2012 12:58
    la prima cosa che ho notato e gradito è l'uso della terza rima, per il resto come sempre dimostri una metaforicità profonda e lieve. Nel contempo triste eccessivamente per uno spirito combattivo come il tuo. Molto bella complimenti
  • Auro Lezzi il 20/04/2012 12:20
    E chi ce crede,,,, Altro che foglia.. Io te vedo come un bel tronco... Di uom o e di poeta...

9 commenti:

  • mariateresa morry il 21/04/2012 20:34
    Lieve, ben scritta, carica di colore, sentimentale... insomma: una bella poesia!!
  • Teresa Tripodi il 20/04/2012 18:20
    la trovo velata di malinconia, ha delle immagini ben chiare lo scorrere del tempo...
    Maurì è bello sto pezzo... argento vivo anche se nei capelli non si perde mai
  • Gianni Spadavecchia il 20/04/2012 16:54
    Carina e vivace, scritta bene e leggera da leggere.
  • Mara il 20/04/2012 16:43
    Bella e malinconica... come alcune giornate d'autunno in cui ci sembra che sia primavera...
  • Ellebi il 20/04/2012 13:59
    Molto bella, ma cosa dovrei dire io? (se fossi capace di dirlo così saluti.
  • Anonimo il 20/04/2012 13:01
    bellissima e delicata... profonde metafore... l'immagine della chiusa gentile e gradevole molto bella ed apprezzata
  • Vilma il 20/04/2012 12:13
    un introspezione forte e profonda
    dai, che non perderai il colore... non per ora
  • Anonimo il 20/04/2012 12:01
    Mauri!!! birba... nel titolo è la chiave: cominci a contare gli anni ma dentro è PRIMAVERA, e questo solo conta. Bellissima introspezione!
  • Anna Rossi il 20/04/2012 11:09
    un po' pessimista?.. ma l'autunno è una stagione stupenda. e per me la più bella.. e comunque l'argento vivo, addosso a te, ancora si sente.. eccome!!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0