username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Da cima a fondo

La vita a volte é eleganza,
ma il più delle volte sono gli sbagli
ad aiutare la buona riuscita dell'impresa,
é inutile che fai di no con la testa.

L'esperienza è una gran regina,
non nega mai a nessuno
la sua lezione migliore,
nemmeno a chi ha la testa dura,
nemmeno a chi spreca tutto il tempo
a frantumare muri.

Non mi piace demolire l'evidenza,
fosse per me avrei già chiuso bottega,
e sarei andato in Olanda.
Cresci ragazzo, cresci,
che tanto poi dovrai morire.
Era in torto quel saggio,
te lo dico io.

I pensieri non sono mai slegati,
sbagli se credi che il filo logico
sia fatto solo d'associazioni.
Sono morbide le idee,
s'attaccano a tutto,
solo gli sciocchi pretendono ancora
che ci sia per forza un punto d'unione.

Non è che un sogno nato male
questa mia specie di poesia,
lo sai bene che non sono qua
per insegnare a vivere,
e non m'è mai piaciuto predicare.

Solo questo voglio sperare:
che tu rimetta a posto quel fucile.

 

3
5 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Franco Baldini il 21/04/2012 13:10
    Ognuno di noi puo' trovare in questi versi il senso della saggezza e di etica morale spesso dimenticati o volutamente accantonati.
    Bella pooesia che induce alla riflessione... e intanto invito tutti quanti dopo questa lettura a "rimettere a posto quel fucile " ...

5 commenti:

  • Rosarita De Martino il 24/04/2012 20:51
    Questa tua poesia invita noi tutti a capire il valore dell'amicizia e della tolleranza. Con simpatia. Rosarita
  • Anonimo il 21/04/2012 20:33
    Una poesia per tutti. ***** Franco
  • Anonimo il 21/04/2012 16:45
    Se ognuno di noi non credesse, ad un certo punto della vita, di essere un dio in terra, non esisterebbero fucili creati per cattive intenzioni. Non esisterebbero armi per difendersi da chi offende. Forse se ognuno di noi convivesse serenamente con l'umana precarietà, la mano che si allunga sarebbe solo per stringere l'altra. Un pizzico di umiltà renderebbe più salda la stretta. Come sempre i tuoi versi esprimono il valore del tuo esistere. Bravo amico mio! Anna Rita I. (mi firmo perchè quando il commento è lungo a volte appare anonimo)
  • Alessio il 21/04/2012 13:51
    bella poesia che invita alla riflessione
  • Vincenzo Capitanucci il 21/04/2012 12:35
    Sbagliando s'impara... intanto metti via quel fucile... spari solo a Te stesso...
    Bravo Salvatore...
    i pensieri non sono mai slegati... sono un filo di luce...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0